[EDITORIALE] LA STORIA DEL KPOP DAGLI ANNI 20 A OGGI

HISTORY

Editoriale di Giulia

Parliamo tutti i giorni di Hallyu e KPOP ma sicuramene molti di noi non sanno da dove nasce, una nostra editorialista speciale ci porta a fare un viaggio nella storia del genere musicale che sta conquistando il mondo.

Il Kpop, fenomeno che sta attirando a sé miriadi di fans richiamati dalle coreografie acrobatiche, i pettorali scultorei, gli occhi grandi, i faccini lisi e le cosce chilometriche, non è sempre stato caratterizzato da questi fattori.

1921

Per riuscire a capire gli eventi che hanno portato al boom di questo genere musicale bisogna arretrare dal punto di vista temporale di quasi cent’anni, spostandoci negli anni venti, anni in cui il primo album di musica pop venne pubblicato da Park Chae-seon 박채선e Lee Ryu-saek 이류색, composto per la maggior parte da canzoni giapponesi riproposte in coreano. Nello stesso anno si ha anche il primo esempio di canzone pop composta da un compositore coreano intitolata “Nakhwayusu” (낙화유수, Fallen Blossoms on Running Water) e si possono rintracciare i primi modelli di una nuova corrente musicale, influenzata dalle armonie giapponesi, occidentali e coreane che si uniscono in un ritmo a due tempi, denominato trot 트로트.

Durante gli anni precedenti e successivi alla Guerra di Corea (1950-1953), la cultura americana venne introdotta in larga scala nella penisola, facendo conoscere sempre più la musica occidentale e cominciando ad influenzare anche il modo di comporre le melodie coreane. Successivamente a questa fama, numerosi artisti emergenti coreani hanno portato le loro diverse vocalità in locali dedicati solamente al divertimento delle truppe americane; tuttavia, negli anni sessanta, a seguito del boom economico, la cultura coreana si sviluppò in modo esponenziale in tanti campi, il cinema cominciò la sua corsa, vennero create le prime radio commerciali e i cantanti che si esibivano esclusivamente per gli americani, iniziarono a farsi conoscere da un pubblico più ampio.

Sempre in questi anni, l’influenza e febbre del gruppo rock britannico dei Beatles raggiunse la Corea portando alla creazione della prima rock-band chiamata Add4 에드훠.

images

Agli inizi degli anni settanta, la sfera della musica pop coreana subì una trasformazione puntando ad un pubblico più giovane, rivolgendosi a persone che si stavano interessando sempre di più al movimento hippie; una delle figure più importanti di questi anni fu Han Dae-soo 한대수, cresciuto negli Stati Uniti, la cui canzone 물 좀 주소 (Mul jom jooso, Give Me Water) divenne un vero e proprio inno per le giovani generazioni tanto da essergli bandito di esibirsi in Corea, decidendo così di trasferirsi a New York. In questi stessi anni un altro artista cominciò ad acquistare popolarità, Cho Yong-pil 조용필che con la sua 돌아와요 부산항에 (Dorawayo Busan-hange, Come Back to Busan Port) si fece conoscere a livello nazionale, tanto da diventare una vera e propria hit in Giappone.

Gli anni ottanta videro l’ascesa del genere ballad, soprattutto dopo la pubblicazione del singolo di Lee Gwang-jo 이광주 You’re Too Far Away to Get Close to (가까이 하기엔 너무 먼 당신 Kakkai hagien neomu meon dangshin); altri artisti che hanno contributo a rendere famoso questo genere furono Lee Moon-se (이문세), Byun Jin-seob (변진섭) e Lee Young-hoon (이영훈), le cui canzoni, nel 2011, sono state trasformate in un musical intitolato 광화문 연가 (Gwanghwamun yeonga) Gwanghwamun’s Song.

Negli stessi anni venne, inoltre, inaugurata la prima edizione dell’Asian Music Forum, dove si sono sfidati cantanti di cinque nazioni diverse e dove hanno visto trionfare il cantante coreano Cho Yong-pil. Il suo primo album 창 밖의 여자(Chang bakk-ui yeoja, The Woman outside the Window) ebbe così tanto successo che venne invitato a New York per esibirsi al Carnegie Hall.

La fama di Cho Yong-pil, tuttavia, cominciò il suo lento declino agli inizi degli anni novanta quando il gruppo Seo Taiji&boys (서태지와 아들 Seo Taiji-wa adeul) composto da Seo Taij e i ballerini Lee Juno (이주노) e Yang Hyun-suk (양현석) fece la sua prima apparizione in un talent show dell’emittente MBC con una canzone intitolata 난 알아요 (nan arayo, I Know) che ebbe un grosso successo di pubblico.

 
(scena tratta dal drama “Reply 1997”)

Sulla scia dell’ascesa di questo nuovo genere, artisti hip hop e R&B come Yoo Seungjun (유승준), Jinusean (지누션), Deux (듀스), 1TYM (원타임) e Drunken Tiger (드렁큰 타이거) acquistarono sempre più popolarità, portando ad un altro cambiamento nella sfera del kpop.

QrxvnTi

Lo sconvolgimento di generi attirò sempre più le giovani generazioni verso questo tipo di musica e, nella metà degli anni novanta, venne creata la prima agenzia per talenti chiamata SM Entertainment, dal nome del suo creatore Lee Soo-man (이수만); seguirono a ruota YG Entertainment, JYP Entertainment, DSP Entertainment e FNC Music, tutte compagnie con lo stesso scopo.

L’avvicinarsi dei teenager al kpop sfociò nell’idea e nella creazione delle cosiddette idol-band, prima fra tutti gli H.O.T (에이치오티, High-five Of Teenagers) che debuttò nel 1996 sotto la SM Entertainment; seguendo le orme della nuova direzione che stava prendendo la sfera musicale coreana, vennero formati nuovi gruppi idol come Sechs Kies (젝스키스, 1997), il primo gruppo al femminile S.E.S (에스이에스, 1997), Baby V.O.X (베이비복스, 1997, ma famoso solo nel 1998), NRG (엔알지, 1997), Taesaja (태사자, 1997), Diva (디바, 1997), Shinhwa (신화, 1998), Fin.K.L (핑클, 1998) e g.o.d (지오디, 1999).

Gli anni 2000 videro sempre più l’ascesa di questi idol sfociando in un vero e proprio fenomeno denominato Hallyu Wave (할류열풍, hallyu yeol-pung) e fra i gruppi la SM decise di far debuttare anche una solista, BOA 보아, la prima cantante ad avere un album al primo posto nella classifica Oricon in Giappone,

mentre successivamente la JYP puntò tutto su Rain (비 Bi), cantante, ballerino e attore.

La crescente popolarità della musica coreana si spanse in tutta l’Asia tanto che Baby V.O.X furono le pioniere a sfondare nel mercato cinese e tailandese riscuotendo parecchio successo.

105146

Il primo gruppo a debuttare negli anni 2000, i TVXQ o Dongbangshinki (동방신기, Rising Gods of the East) ebbero un grosso successo in Asia, ma soprattutto in Giappone con numerose vendite di album e biglietti per i concerti.

Da allora ci furono sostanziali e rilevanti raggiungimenti da parte della sfera del kpop: Wonder Girls (원더걸스, debutto nel 2007 sotto la JYP) fu il primo gruppo ad entrare nella Top 100 della Billboard Chart e si imbarcarono come Opening Act nel 2009 per il tour dei Jonas Brothers; 2NE1 (투엔이원, debutto nel 2009 sotto la YG) primo gruppo scelto come MTV Iggy’s Best New Band in the World; Big Bang (빅뱅, debutto nel 2006 sotto la YG) vinse agli MTV Europe Music Awards il Best Worldwide Act; Girl’s Generations (소녀시대, Sonyeo-shidae debuto nel 2007 sotto la SM) prime a esibirsi al Late Show with David Letterman e Live! with Kelly, etc.

Tuttavia, nonostante questi numerosi successi, la svolta per il kpop fu la popolarità globale che raggiunse Gangnam Style (강남스타일) dell’eclettico cantante Psy 싸이: Best Video all’MTV Europe Music Award e video più visualizzato su Youtube, Gangnam Style ha contribuito a mettere sotto i riflettori il kpop e a trasformare il fenomeno Hallyu Wave ancora più mondiale.

Dai suoi inizi il Kpop ha cambiato immagine e musicalità, ha saputo rinnovarsi senza mai scadere nell’ovvio, cercando sempre di coinvolgere tutte le differenti generazioni e cercando anche di inglobare l’interesse degli stranieri verso questo genere, riuscendo a vincere pregiudizi e mostrando che la musica può riunire le persone sotto un’unica ala.

  • author's avatar

    Articolo di: Veronica Croce

    Visualizza la biografia

  • author's avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *