TWICE: ANALISI DI UN FENOMENO

In questo periodo il mercato e il pubblico coreano sta impazzendo per un gruppo giovanissimo, Caterina ci ha raccontato la loro storia e ha cercato di analizzarne il fenomeno, stiamo chiaramente parlando delle TWICE, ultimo gruppo femminile della JYP Entertainment.

Siamo nell’estate 2015 e la JYP Entertainment annuncia il debutto di un nuovo gruppo femminile, sulla scia del successo delle Wonder Girls e delle MissA, la cui formazione sarebbe stata decisa durante un survival show chiamato Sixteen. Dopo dieci settimane e non pochi colpi di scena, la line-up del gruppo viene decisa e nove ragazze, a differenza dei piani originali di sette, diventano le Twice. (Per quanto gli attentissimi netizen abbiano notato che le nove vincitrici fossero tutte vicine e al centro nelle foto promozionali scattate durante la conferenza stampa prima della trasmissione di SIxteen, che si tratti di puro caso?)

TWICE

Leader del gruppo è Jihyo, classe 1997, che è stata trainee in JYP per dieci anni, ma nonostante questo durante Sixteen non è stata risparmiata di dure critiche da parte di JYP, soprattutto nei confronti del suo peso. Nayeon, già nota al pubblico per essere apparsa nel video musicale Girls Girls Girls dei GOT7 e in No Love di Jun.k, è l’altra vocalist del gruppo. Jungyeon, che porta i capelli sempre cortissimi, è la sorella minore dell’attrice Gong Seung Yeon (n.d.e. famosa soprattutto per essere stata la “moglie” di Lee Jong Hyun dei C.N. Blue in We Got Married), ed è apparsa al suo fianco in alcuni speciali televisivi. Le due rapper del gruppo sono la versatile Chaeyoung e Dahyun, soprannominata Eagle Girl in quanto inconscia protagonista, prima del debutto, di un video divenuto virale su youtube dove balla in modo buffo in chiesa. Come sempre in JYP Entertainment, tra le fila del gruppo ci sono anche membri stranieri: la taiwanese Tzuyu e tre giapponesi, Momo, Mina e Sana.

Tzuyu, la più giovane del gruppo (nata nel 1999), è entrata a far parte del gruppo grazie ai voti del pubblico ed è considerata da molti una potenziale “nuova Suzy”  per la sua bellezza naturale. Quest’inverno è stata al centro di una brutta controversia politica tra il governo di Taiwan e quello cinese per aver tenuto in mano delle bandierine di Taiwan in un programma televisivo coreano, è stato considerato dal governo cinese un affronto, in quanto tecnicamente Taiwan non è uno stato indipendente e appartiene alla Repubblica Popolare cinese. Non vogliamo scendere nel merito di questa delicatissima questione politica, ma la realtà dei fatti è che una ragazzina di nemmeno sedici anni è stata usata come strumento politico e il risultato è stato un video caricato su youtube dove in lacrime si scusa per qualcosa su cui probabilmente non ha avuto nessun potere decisionale.
Mina, Sana e Momo sono le prime idol di nazionalità giapponese a entrare a far parte di un gruppo k-pop. Mina ha un passato da ballerina classica, Sana ha rapito i cuori degli spettatori fin dalla prima puntata di Sixteen grazie al suo aegyo e Momo, la lead dancer, è entrata a far parte del gruppo per volere di JYP in persona, venendo ripescata in extremis nell’ultima puntata di Sixteen pur essendo stata eliminata. Le Twice hanno immediatamente catturato l’attenzione del pubblico coreano per la loro bellezza, tutte le componenti vengono considerate molto belle per i canoni estetici coreani, e questo, assieme all’identico numero di componenti, ha reso naturale il paragone con il gruppo femminile numero uno di Corea, le Girls’ Generation.

Il debutto delle Twice avviene il 20 Ottobre con la traccia Ooh Aah 하게 (Like Ooh Aah), a mio avviso uno dei migliori pezzi del 2015. Il debutto del gruppo viene considerato un discreto successo, ma verso la fine dell’anno avviene un vero e proprio miracolo e la canzone torna tra le prime posizioni delle classifiche digitali, al punto che gli show musicali le invitano nuovamente ad esibirsi e Ooh Aah 하게 (Like Ooh Aah) viene nominata svariate volte come candidata alla vittoria settimanale.

Va da sé che l’attesa per il loro primo comeback fosse molta, Cheer Up viene rilasciata il 24 Aprile e si piazza immediatamente alla prima posizione di tutte le classifiche digitali (e rimanendo stabile in TOP3 anche a distanza di settimane), garantendo al gruppo una lunga serie di vittorie nei music show.

Ma qual’è il segreto del successo delle Twice? Innanzitutto va detto che una frase di Cheer Up (“친 구를 만나느라 shy shy shy”, “chingurur mannanura shy shy shy”, “mi stavo vedendo con degli amici shy shy shy“) è diventata virale in Corea perché Sana non riesce a pronunciare correttamente la parola Shy e il risultato è piuttosto simile a 샤샤샤 shashasha. Non esiste un motivo specifico per cui la Corea stia letteralmente impazzendo per shashasha (persino idol del calibro di G-Dragon lo hanno usato nei loro Social Network) e shashasha non ha nemmeno un vero e proprio significato, semplicemente il modo in cui Sana lo dice viene considerato una forma adorabile di aegyo.

Ma non è solo grazie a questo che le Twice stanno ottenendo così tanto successo, a mio parere si tratta di una serie di fattori combinati. Il fatto che le ragazze abbiano debuttato dopo un reality, ha garantito loro un seguito certo, anche la scartata Jun Somi (vincitrice di Produce 101 e ora centro delle IOI) ne ha beneficiato. La scelta di debuttare e mantenere concept che non siano eccessivamente cute o sexy è stata una scelta saggia, in quanto la scena k-pop è ormai satura di questi e una ventata di freschezza era quello che serviva. Non va ovviamente ignorato il fatto che tutte le ragazze siano molto carine e abbiano tutte diversi tipi di bellezza, come insegna la SM, nella varietà è più facile trovare qualcosa che al pubblico possa interessare.

Se le Twice possano o meno diventare il nuovo girl group di punta di Corea, segnando definitivamente la nascita di una nuova “era” nel kpop, lo può dire solo il tempo, ma le premesse ci sono tutte e il fenomeno Twice è inarrestabile.

 

Articolo di Caterina Carnevale

  • author's avatar

    Articolo di: Caterina Carnevale

    Visualizza la biografia

  • author's avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *