[EXPO 2015 – ARTE] "IL GIORNO DELLA COREA" MOSTRA COLLETTIVA COREANA

11422392_10153139436724930_474632468_o

È con immenso piacere e onore che vi pubblicizzo in occasione della settimana coreana dell’EXPO questa interessantissima mostra colletiva che si terrà a Villa Clerici in Via Giovanni Terruggia, 14 a Milano.

Mostra “Il giorno della Corea” – dal 25 al 30 giugno 2015

VILLA CLERICI – Via Giovanni Terruggia, 14, 20162 Milano

orari: 9.30 – 12.30 14.00 – 16.30

INGRESSO GRATUITO

Per saperne di più, continuate a leggere.

La Corea del Sud si mette in Mostra per una settimana a Milano. Un’esposizione collettiva di Arti Visive e del Gioiello.
La cultura orientale e occidentale hanno da sempre avuto uno scambio osmotico di suggestioni. In questo anno ricco di celebrazioni, in cui Milano è con Expo una vetrina internazionale e crocevia di relazioni tra differenti tradizioni, poter raccontare attraverso le arti visive la cultura coreana diviene occasione ulteriore per incontrare differenti culture e ritrovarsi nel capoluogo lombardo.
Artefice organizzativo di questa esposizione è la celebre Korean Fine Arts Association. Nata nel 1961 questa associazione riunisce artisti provenienti da linguaggi differenti ed è è stata formalmente istituita al fine di promuovere le belle arti della nazione, di sollecitare i diritti e gli interessi degli artisti per facilitare lo scambio internazionale delle arti e di promuovere la cooperazione.
La Corea del Sud desidera oggi mostrare la sua estetica contemporanea attraverso quasi 500 artisti che presentano i loro lavori nella meravigliosa cornice di Villa Clerici. Artisti che risiedono in Corea del Sud, oppure coreani che da anni vivono, lavorano e studiano in Lombardia ci hanno regalato in questo appuntamento narrazioni visive interessanti, ognuna definita attraverso un’estetica ed un tratto artistico personale.
Dei moderni Hwarang, selezionati e capaci di infondere il bello così come questi antichi guerrieri possedevano la bellezza interiore ed esteriore, scelti: «sia per le incredibili caratteristiche fisiche che per l’assoluta impostazione mentale ed il profondo studio che veniva loro imposto» (Dal testo di di Joo Bang Lee, The ancient martial art of hwarang do. Literary links to the Orient).
Un ringraziamento particolare a Orange Bridge, alla prestigiosa Associazione Korean Fine Arts, all’Ambasciata ed al Consolato Coreano in Italia che hanno permesso la riuscita di questo autorevole evento.”

a cura di Orange Bridge

Testo critico e presentazione di Alessia Locatelli

  • author's avatar

    Articolo di: Veronica Croce

    Visualizza la biografia

  • author's avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *