[NEWS] UPDATE SUL CASO PARK SI HOO

I legali di Park Si Hoo hanno annunciato che l’attore ha deciso di contro denunciare la sua accusatrice, il CEO della ragazza e l’amica della presunta vittima per estorsione.

La giovane ha dichiarato “appena si sono accorti che ero ubriaca Park Si Hoo mi ha portata in camera sua e mi ha stuprata due volte“; come già noto le analisi fatte in precedenza mostrano effettivamente presenza di DNA maschile ma Park Si Hoo non ha mai negato di aver avuto rapporti sessuali con la ragazza.

Mentre le indagini vanno avanti le incongruenze tra le precedenti dichiarazioni della ragazza e quelle attuali si fanno sempre più forti (ricordiamo che inizialmente lei disse che non si era accorta di nulla fino al mattino dopo), i messaggi analizzati mostrano anche un tentativo di estorsione nei confronti di Park Si Hoo; alcuni messaggi tra la presunta vittima a la sua amica mostrano infatti che l’amica dice alla presunta vittima “chiedi 1 bilione di won (circa 700 mila euro) come compromesso” e la ragazza le avrebbe risposto “Lui (Park Si Hoo) userà le sue doti recitative per passare per vittima

Non abbiamo ancora ricevuto le intere trascrizioni dei messaggi, quelli pubblicati dai media non sono gli unici messaggi presi in analisi, attenderemo prima di tirare le nostre conclusioni” hanno dichiarato i legali di Park Si Hoo “Siamo sicuro che verremo richiamati almeno  un paio di volte in questura, noi siamo disposti a collaborare pienamente per una risoluzione giusta e veloce” hanno aggiunto.

Fatemi fare una constatazione, qui la faccenda puzza sempre di più e Park Si Hoo (e il suo hoobae) stanno passando da carnefici a vittime, come ricorderete avevo previsto qualcosa del genere; ora dopo che tutto sarà chiarito -perché se prima era un sospetto ora abbiamo quasi la conferma che la vittima in realtà non è  davvero una vittima- lascerei questa simpatica ragazza nelle mani delle fans di Park Si Hoo.

  • author's avatar

    Articolo di: Veronica Croce

    Visualizza la biografia

  • author's avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *