I DRAMA

Chi sta sbirciando questo blog per il cinema e le news forse non sa di cosa voglio parlare in questo articolo; vorrei soffermarmi su un soggetto di cultura pop generale; i drama.

Per noi vecchie guardie appassionate di serie TV americane, il termine drama sta ad indicare i telefilm “drammatici”, telefilm come LOST o Grey’s Anatomy per intenderci, qui invece per drama s’intende più in generale la serie tv; chiaramente come per le serie tv americane (ma anche le nostre fiction), ci sono generi diversi, qui in Asia (in questo caso è giusto generalizzare) a differenza dei lavori occidentali i drama hanno uno schema molto più delineato e meno “originale”.
Se per un prodotto nostrano la non-originalità è un’accusa, per i drama non lo è, questa non-originalità è solo il lavoro su uno schema più preciso su cui lavorare.

Bisogna specificare sin da subito che, fatta eccezione per poche serie (prettamente prodotti che vanno in onda durante la fascia del day-time o pomeridiana), i drama sono a stagione unica, questo l’ho sempre trovato un grandissimo pregio, con una sola stagione si può lavorare sulla storia e sui personaggi nella loro interezza, senza scadere nella noia o nella poca brillantezza della storyline; anche perché come ho detto poco fa in un drama asiatico è tutto molto più standardizzato rispetto ai nostri telefilm.

Lo schema è molto elementare; ci sono i due protagonisti che sono destinati ad amarsi e quasi per il 90% dei casi, ci sarà un personaggio secondario che ostacolerà il loro amore.

Di base c’è sempre una grande storia d’amore, ma la trama generale può cambiare chiaramente a seconda del target di pubblico, troveremo quindi drama più romantici e leggeri per adolescenti (i nostri teen drama) e quelli più “seri” e per adulti (n.d.a. non vietati ai minori, sia chiaro) dove di base c’è sempre la lotta per il potere.

Come spesso succede anche qui da noi, i drama hanno dato i natali alla popolarità di attori che hanno poi conquistato il grande schermo diventando dei veri e propri divi del cinema coreano e a volte conquistando anche Hollywood, Won Bin (il protagonista di Mother di Bong Junho) e Lee Byun Hyun (G.I Joe e G.I Joe 2 sono i suoi ultimi lavori in USA) sono due degli esempi più lampanti.

Questa è stata una breve introduzione, più avanti mi soffermerò sui drama che più ho amato, e perché no, potrete chiedermi quale drama commentare.

Per ora è tutto, vi lascio con la compilation dei baci di uno dei drama più belli in assoluto.

A presto.

V.

  • author's avatar

    Articolo di: Veronica Croce

    Visualizza la biografia

  • author's avatar

2 thoughts on “I DRAMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *